Senza categoria

/Senza categoria

AVVISO PUBBLICO

AVVISO PUBBLICO AFFIDAMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO PER IL MONITORAGGIO E LA CARATTERIZZAZIONE FAUNISTICA DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DELLE VALLI CUPE Legambiente Calabria A.p.s., quale Ente Gestore della Riserva naturale Regionale delle Valli Cupe, intende procedere, ai sensi della vigente normativa, ivi incluso ove applicabile il D.lgs. n. 50/2016 e nel rispetto dei principi di non discriminazione parità di trattamento e proporzionalità, di soggetti idonei per l'affidamento del servizio di copertura assicurativa per l’automezzo in dotazione alla Riserva Naturale Regionale delle Valli Cupe....(vedi allegati o visita la pagina dedicata) AVVISO-PROCEDURA-NEGOZIATA-POLIZZA-ASSICURATIVA- ALLEGATO-A-DOMANDA-DI-PARTECIPAZIONE-polizza-assicurativa- Pubblicato il 2 giugno 2021

2021-06-02T22:25:18+00:00 2 giugno, 2021|

AVVISO PUBBLICO

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UN SOGGETTO AFFIDATARIO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI SENTIERI E GESTIONE DELLE AREE ATTREZZATE DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE DELLE VALLI CUPE Legambiente Calabria A.p.s., quale Ente Gestore della Riserva naturale Regionale delle Valli Cupe, intende procedere all’individuazione di un soggetto affidatario del servizio di manutenzione ed attività connesse alla gestione dei sentieri e delle aree attrezzate della Riserva Naturale Regionale delle Valli Cupe…(vedi allegati o visita la pagina dedicata) Pubblicato il 4 maggio 2021 BANDO SERVIZIO MANUTENZIONE DEI SENTIERI RNRVC ALLEGATO A DOMANDA PARTECIPAZIONE SERVIZIO MANUTENZIONE SENTIERI -RNRVC CAPITOLATO TECNICO _ AVVISO MANUTENZIONE SENTIERI

2021-05-04T17:23:36+00:00 4 maggio, 2021|

Riserva Valli Cupe ospiterà progetto mobilità internazionale. Ci saranno giovani provenienti da Bulgaria, Estonia e Ungheria

(ANSA) - CATANZARO, 27 FEB - Uno dei quattro progetti di mobilità internazionale giovanile ideati e organizzati da "Terra di Mezzo", l'associazione di promozione sociale e culturale nata nel 2013 a Vallefiorita con la collaborazione di sei comuni calabresi, interesserà, nei mesi di maggio e giugno 2018, la Riserva Naturale Valli Cupe. Il progetto, promosso in partenariato con il Comune di Sersale, la direzione della Riserva Valli Cupe e la Cooperativa Segreti Mediterranei, ha ricevuto numerose richieste di partecipazione da circa 60 enti pubblici e privati dell'Unione Europea come Bulgaria, Estonia, Francia, Grecia, Inghilterra, Lituania, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Spagna, Ungheria e da altri Stati limitrofi come Macedonia, Turchia, Armenia, Azerbaigian, Georgia, Russia, Tunisia, Ucraina, Uzbekistan. Ciò a dimostrazione del grande interesse di associazioni, scuole, municipalità, università e imprese europee ed extraeuropee per la Calabria e per il "modello" Valli Cupe. Il tema del progetto di scambio culturale è "Un ambientesostenibile per lo sviluppo delle aree rurali" e vedrà la partecipazione di giovani provenienti dai tre paesi selezionati (Bulgaria, Estonia e Romania) su 60 che, con i coetanei di Sersale, condivideranno, per dieci giorni, laboratori, incontri con esperti locali, conoscenza del territorio e delle buone pratiche di gestione di una Riserva naturale. "Lo sviluppo della regione - ha sostenuto il presidente dell'Associazione "Terra di Mezzo" Gianni Paone - non può prescindere dal realizzare accordi di cooperazione con altri Stati europei ed extraeuropei per il raggiungimento di obiettivi economici e sociali". Per il direttore della Riserva Valli Cupe Carmine Lupia, il sindaco di Sersale Salvatore Torchia e la presidente di Segreti mediterranei Rossella Capellupo che condividono progetti e programmi dell'iniziativa, "la sfida è esattamente questa: mettere in collegamento stabile, aperto e intelligente la Calabria dalle bellezze [...]

2018-07-30T13:09:32+00:00 27 febbraio, 2018|

Valli Cupe diventano Riserva, tra canyon e rarità botaniche. Istituita con legge regionale. Meta ogni anno migliaia visitatori

(di Clemente Angotti) (ANSA) - CATANZARO, 29 DIC - È diventata Riserva naturale regionale l'area delle Valli Cupe, quell'impasto di natura e paesaggio d'impronte spiccatamente mediterranea che il naturalista belga John Bouquet definì come "Il segreto meglio custodito d'Europa". Un traguardo importante - sancito dall'approvazione alla unanimità della legge istitutiva in Consiglio regionale della Calabria, promulgata dal presidente della Regione, Mario Oliverio - per l'area territoriale che tra incantevoli cascate immerse in luoghi incontaminati, canyon che celano tesori di biodiversità inaspettati, viste mozzafiato su gole e dirupi, alberi secolari e autentiche rarità botaniche e non solo, da anni catalizza l'interesse e l'attenzione di moltitudini di turisti e appassionati. Un itinerario autenticamente alternativo, a metà strada tra la costa Jonica e le prime pendici della Sila catanzarese, siamo tra i comuni di Sersale e Zagarise, a poca distanza anche dal capoluogo, dove domina l'incanto della natura selvaggia e lussureggiante che si fonde con tracce e monoliti che rimandano ad un passato anche remotissimo e denso di eventi. Così la vista si perde tra un canyon lungo dodici chilometri (per quattro ore circa di cammino), e ben 101 cascate, nessuna delle quali è uguale all'altra, scoperte e catalogate una ad una: dall' Infernaccio, al Campanaro, dal Crocchio all'Aquila delle Grotte. Qui, tra villaggi dimenticati (Barbaro, già fiorente comunità annientata dalla pestilenza)e i ruderi della città settecentesca di Marcaglione, miseramente abbandonata, rivivono e s' intrecciano frammenti di leggenda e tasselli di storia che rimandano dapprima alla presenza vivificante dei monaci basiliani (furono loro a introdurre alcune piante sconosciute) e quindi a un'epoca relativamente più recente, contraddistinta dal fenomeno del brigantaggio. A caratterizzare l'"appeal" ormai indiscusso e consolidato della riserva Valli Cupe (la terza a carattere regionale dopo quelle [...]

2018-07-30T13:15:59+00:00 29 dicembre, 2017|

Ambiente: Carmine Lupia nominato direttore Riserva Valli Cupe. Esperto botanico e autore di pubblicazioni sulla materia

(ANSA) - SERSALE (CATANZARO), 23 APR - Carmine Lupia, laureato in agraria, botanico ed esperto di politiche ambientali, è il primo direttore della Riserva naturale Valli Cupe. Lupia, principale artefice di quello che è diventato negli anni un vero e proprio "caso" in ambito turistico (sono decine di migliaia i visitatori che annualmente giungono nell'area punteggiata da cascate e canyon che custodiscono autentici tesori naturalistici), si è classificato al primo posto della graduatoria risultante dalla procedura di selezione pubblica indetta dal Comune di Sersale, ente gestore della Riserva e alla quale hanno partecipato quattro candidati. Lupia, autore di diversi volumi sulla flora e la fauna della regione, l'ultima sua pubblicazione è "Etnobotanica: piante e tradizioni popolari in Calabria" con prefazione di mons. Domenico Graziani, vescovo Crotone-Santa Severina, ha ricoperto la carica di presidente della Comunità Montana della Presila Catanzarese, di dirigente regionale Fai (Fondo Ambiente Italia), componente del Comitato tecnico-scientifico per le aree protette della Regione Calabria ed è stato relatore in convegni nazionali del Fai (Napoli 2010), al Festival del Paesaggio di Asti (2010), al Convegno "Europa e Mediterraneo nella bufera", promosso da Obi a cui ha partecipato il Premio Nobel per la Pace Shrin Ebadi (2011) e sul turismo sostenibile organizzato dalla Sorbona di Parigi (2011). "Carmine Lupia - ha detto il sindaco di Sersale, Salvatore Torchia - è stato lo scopritore e l'esploratore, nonché il promotore del 'fenomeno Valli Cupe' e, assieme alla cooperativa 'Segreti Mediterranei', di cui è presidente Rossella Capellupo, esperta in scienze turistiche, in circa due decenni di appassionato lavoro, è riuscito a far conoscere 'il segreto meglio custodito d'Europa' come ha definito quest'area il naturalista belga John Bouquet, in Italia e in Europa, mobilitando i media regionali, nazionali [...]

2018-07-30T13:29:44+00:00 23 aprile, 2017|